Sindrome della spalla dolorosa nel nuotatore


 a

 

In diversi sport (lancio del peso, giavellotto, tennis ed anche nel nuoto) i disturbi dell'articolazione della spalla sono molto frequenti. Ovviamente parliamo di atleti di un buon livello agonistico dove un gesto atletico effettuato in maniera ripetitiva può risultare stressante per l'organismo in genere ma sopratutto può essere causa di numerosi disturbi osteo articolari e muscolari. Pensiamo al movimento della spalla del nuotatore costretta a spostare sempre il braccio al di sopra del piano della testa.

a1

 

Prima che la situazione peggiori, è assolutamente necessario che l'atleta, segnali subito l'insorgere dei primi sintomi, che non vanno assolutamente sottovalutati e né trascurati, all'allenatore e successivamente verificati da un attento controllo medico, ed eventualmente sottoporsi anche al consiglio e alle cure di un buon fisiatra specializzato. Mai come in questo caso il vecchio detto “meglio prevenire che curare” è veramente efficace. In linea di massima all'insorgenza dei primi segnali l'atleta deve sottoporsi ad un breve periodo di riposo quantificabile dai 5 ai 7 giorni. Alla ripresa è indispensabile effettuare un rinforzo muscolare selettivo (vedi TNM),

a2 a3

effettuare esercizi di stretching e concludere sempre la seduta con l'indispensabile defaticamento. La maggior parte dei traumi della spalla possono essere ridotti o addirittura evitati adottando quindi le dovute precauzioni. Nello specifico la sindrome dolorosa della spalla del nuotatore è un'infiammazione dei tendini con ripercussioni all'interno dell'articolazione stessa.

 a4     a5

Questa è una patologia che spesso influenza il proseguo dell'attività sportiva del nuotatore. Il nuoto è infatti uno sport dov'è richiesta un'elevata coordinazione muscolare necessaria all'esecuzione dei movimenti, richiede anche rapidità e forza. Ovviamente occorre una preparazione atletica adeguata ed efficace in modo da scongiurare eventuali infortuni. Concludo nel ricordare che una corretta impostazione della nuotata, un adeguato riscaldamento, attrezzature e pesi adeguati, massaggi, stretching e tutori con garze elastiche (TNM) possono prevenire l'insorgenza di questi seri e fastidiosi disturbi dei nuotatori.

 

Dott.re Pasquale Fedele

Responsabile modulo biomedico

FIN Calabria

 

 

Riccione 22 Dicembre 2010
Tropeano20Egor1 Aperti i battenti ai campionati assoluti in vasca corta e per la calabria arriva subito un record. A stabilirlo stamani nella gara dei 400 misti l'atleta della Tubisider Cosenza Nuoto che con il tempo di 4'25''20 ha centrato la 15° posizione assoluta ed il record regionale di categoria Cadetti ed Assoluti. Brillante anche la prestazione di Germana Critelli ex atleta della Polisportiva Catanzaro che sui 100 Rana ha conseguito il tempo di 1'10''18, centrando la 13.ma posizione, che gli sarebbe, anche a lei valso il record di categoria ed assoluto. Nella sessione del pomeriggio ancora record per il portabandiera cosentino Egor Tropeano che, nella gara dei 200 rana con il tempo di 2'15''86 aggiorna il record della categoria cadetti ed assoluti.

Si sono riuniti a Reggio Calabria, per la seconda volta quest’anno, i fiduciari FIN Salvamento Calabria per discutere e quindi programmare le attività della sezione regionale salvamento in relazione alle nuove disposizioni dettate dalla FIN Salvamento nazionale che andranno in vigore dal 1° gennaio 2011.

Il “Verbale on Line” darà la possibilità di ridurre i tempi per la consegna , sia dei nuovi brevetti e sia di quelli da convalidare,  interfacciandosi direttamente con la Federazione centrale.

L’incontro si è concluso ribadendo il programma  stabilito nel precedente incontro e con un “Cin Cin” di auguri per la festività del Santo Natale ed il Nuovo Anno, esteso a tutta la “famiglia FIN” calabrese.

Si comunica inoltre a tutti gli Assistenti Bagnanti che fra alcuni giorni, collegandosi al sito del Comitato Regionale Calabro www.fincalabria.com e/o a quello della Federazione centrale www.federnuoto.it, si potrà scaricare la nuova domanda di convalida per il biennio 2011-2012  ed eventualmente modificare il proprio indirizzo postale.

AUGURI

foto 1 - foto 2 - foto 3 - calendario 2011